APP IMMUNI OBBLIGATORIA?

Nel suo intervento in Senato del 21 aprile il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha chiarito che App Immuni non sarà obbligatoria e il suo download sarà possibile su base volontaria.

Di seguito alcune risposte alle domande più frequenti:

Cos’è APP IMMUNI?

App Immuni è l’applicazione per tracciare i contagi da coronavirus in Italia. Sono arrivate 319 proposte ed è stata scelta quella dell’azienda milanese Bending Spoons in collaborazione con il Centro Medico Santagostino.
La Bending Spoons sta lavorando gratuitamente e senza royalties, finanziando autonomamente lo sviluppo dell’app.

Come funziona?

L’applicazione attraverso la tecnologia Bluetooth rileva la vicinanza fra due dispositivi e permette di registrare se lo smartphone sia entrato a contatto o meno nei giorni precedenti con una persona risultata positiva al coronavirus: se questo dovesse verificarsi, l’utente riceve una serie di avvisi e notifiche che indicano i comportamenti da seguire, invitandolo alla prevenzione come l’autoisolamento e il test diagnostico.

Quando sarà disponibile?

In audizione in Commissione Giustizia al Senato, il 19 maggio Domenico Arcuri ha rivelato che l’app IMMUNI è in fase di test e sarà pronta a fine maggio. Dopo avrà inizio la sperimentazione in alcune Regioni.

Privacy?

Il nuovo decreto in materia di giustizia redatto il 30 aprile sancisce:
• completo anonimato e privacy tramite il codice numerico assegnato;
• no alla geolocalizzazione degli utenti in nessuna circostanza;
• dati conservati per un limitato periodo di tempo e cancellati entro il 31 dicembre 2020
• il tracciamento è effettuato solo ed esclusivamente per dati di prossimità;
• informazioni chiare e trasparenti fornite agli utenti prima dell’effettiva installazione.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *