“Paquasia” indagato Lombardo

Il presidente della regione Siciliana, Raffaele Lombardo, e gli assessori Russo alle Infrastrutture e Marino all’Energia sono indagati dalla Procura di Enna, nell’ambito dell’inchiesta aperta da gennaio sulla miniera di Pasquasia posta oggi sotto sequestro, da anni in uno stato di totale abbandono dove sono presenti tonnellate di cemento-amianto, il materiale costituente gli impianti, e fusti di rifiuti speciali non ancora bonificati.

 La Procura di Enna per ora sta solo verificando, oltre al degrado ambientale del sito minerario, lo stato dei fiumi e dei sottostanti affluenti; in pratica le cause alla base della chiusura di Pasquasia.

I reati ipotizzati dai magistrati sono quelli di omissione di atti d’ufficio e gestione di rifiuti non autorizzata.

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *