Tunisia – Cacciatori svedesi picchiati ed arrestati

“Non sappiamo se sia stata la polizia. Quando hanno visto le armi sono impazziti. Siamo stati picchiati e abbiamo perso i nostri documenti ” è quanto racconta uno dei tredici cacciatori svedesi aggrediti a Tunisi. Il gruppo in Tunisia da una decina di giorni, era reduce da una battuta di caccia al cinghiale nella regione di Kasserine, una zona interessata dagli sconti di questi giorni, sono stati aggrediti dalla folla e poi fermati dalla polizia perché scambiati per cecchini.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *