mafia “i beni” cosa nostra

Volere ridurre la vendita dei beni confiscati alla mafia ad una questione economica è l’errore più grave che possa compiere lo Stato italiano. Per un potere sul territorio come la mafia ostentare di nuovo il possesso di un bene è una vittoria di portata incommensurabile. Poter dimostrare che si è di nuovo proprietari come prima dello stesso bene è la conferma dell’inamovibilità delle cose e questo per la cultura siciliana equivale alla sconfitta dello Stato.

Carmelo Sorbera

Carmelo Sorbera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *