Iran “Death to dictator”

Al canto di “morte al dittatore” dei manifestanti la polizia ha risposto con l’uso di manganelli e gas lacrimogeni, numerosi i feriti.
Manifestazione dei sostenitori del leader dell’opposizione Mousavi in Iran nella giornata dello studente, commemorazione degli studenti uccisi dai servizi segreti (Savak) dello Shah nel 1953 durante gli incidenti scoppiati con la visita di Richard Nixon, allora vice presidente degli Stati Uniti.
La ricorrenza viene celebrata normalmente con toni antiamericani dal regime nelle università, ma quest’anno l’opposizione ha approfittato dell’occasione per fare sentire la propria voce.
Ingenti forze antisommossa sono state schierate fin dal mattino nel centro della capitale, attorno alla principale università di Teheran, le immagini che con difficoltà sono giunte in occidente mostrano centinaia di uomini e donne che manifestano di fronte ai cancelli chiusi dell’università di Teheran, successivamente abbattuti.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *