Sartori: Premier dimissionario in un Paese “normale”

“Che i giornali stranieri parlino di dimissioni non mi sembra una cosa strana: all’estero è normale che un uomo politico, addirittura un primo ministro, in caso di guai con la giustizia rassegni le dimissioni. Ma la prassi internazionale in Italia non è normalità, altrimenti Berlusconi sarebbe dovuto sparire dalla scena politica già nel 1994. Quindi all’indomani della bocciatura del Lodo Alfano non c’è motivo perché Berlusconi si dimetta. Ma l’immunità a vita è un’altra cosa. Adesso è giusto che i processi vadano avanti e poi si vedrà”.
E’ quanto il politologo Giovanni Sartori risponde all’intervista di Antonella Loi alla domanda sulle dimissioni come conseguenza necessaria per un Premier con problemi di giustizia.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *