Israele “sfratta” i palestinesi da Gerusalemme Est

Le Nazioni Unite hanno chiesto ad Israele di interrompere la demolizione delle case palestinesi a Gerusalemme est. Il rapporto dell’Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari umanitari, pubblicato venerdì parla di 1500 abitazioni in attesa dell’ordine di demolizione, perché costruzione di abitazioni senza un permesso da parte di Israele.
Almeno 9.000 i palestinesi che sarebbe spostati nella parte orientale di Gerusalemme se gli ordini vengono attuati. Il rapporto delle Nazioni Unite lancia un appello a Israele nel fornire delle soluzioni per la crisi degli alloggi nella controversa città, nel frattempo alimentato le tensioni in città gli sforzi di Nir Barkat, sindaco israeliano di Gerusalemme, per espandere insediamenti ebraici nei territori occupati.

Hillary Clinton, il segretario di Stato americano, visita in Israele nel mese di marzo, ha definito le demolizioni “inutili”.

In risposta alla relazione delle Nazioni Unite, Barkat ha negato le accuse e ha contestato i fatti, ma ha convenuto che non vi è una “programmazione della crisi” in città.
Almeno il 28 per cento di abitazioni palestinesi sono a rischio, in quanto sono state costruite in violazione delle restrizioni israeliane di zonizzazione e almeno 60.000 palestinesi rischiano di rimanere senza dimora, molte delle case sono situate in zone considerate “aree verdi” dal Comune di Gerusalemme.
I Palestinesi che vorrebbero Gerusalemme est come capitale del loro Stato futuro dicono che le demolizioni sono finalizzate per costringerli fuori da Gerusalemme est, Israele considera Gerusalemme la sua capitale indivisibile.

Il Commissario ai diritti umani delle Nazioni Unite ha dichiarato:
“Sebbene il governo israeliano abbia indicato che le case che saranno demolite non hanno le necessarie licenze di costruzione, non significa che i palestinesi avessero l’accesso a tali autorizzazioni”.

Anna Palmisano

Anna Palmisano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *