Chrysler “fallimento di protezione, sarà partner Fiat”

USA -La Chrysler ha presentato istanza di fallimento di protezione “capitolo 11” a New York con la speranza di riemergere in appena 60 giorni nel quadro del nuovo partenariato con la Fiat, ed ha annunciato che blocca temporaneamente la maggior parte della sua produzione di veicoli, mentre si completa l’accordo con la Fiat nel tentativo di rilanciare il terzo produttore automobilistico statunitense.
L’amministrazione Obama aveva a lungo sperato di evitare il fallimento, ma è apparso evidente che un gruppo di creditori non sono stati d’accordo sulle proposte della Chrysler di ridurre 6,9 miliardi di dollari in titoli di debito garantiti. L’eliminazione di tali debiti è stato un passo necessario per la ristrutturazione di Chrysler imposto dal governo che finora aveva erogato 4,5 miliardi di dollari.
Chrysler ora ha “una possibilità non solo di sopravvivere, ma di prosperare”, grazie alla trattativa con la società internazionale di Fiat auto e dei prestiti da parte del governo, questo è stato detto dal Presidente Obama, ed ha continuato che la società ha deciso per il fallimento, “non è un segno di debolezza”, ma piuttosto un passo necessario che permetterà alla società di un rilancio.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *