Siani, Marco Risi: “Era come l’acqua pura…”

“Giancarlo Siani era come l’acqua pura che dal Vomero scendeva fino a Torre Annunziata dove in molti tentavano di trasformarla in fango. Non ci sono riusciti e per questo lo hanno ammazzato.

Era solo e, si sa, poca acqua non porta via il fango e, di solito, diventa fango. Ma se in tanti facessimo come lui, se una cascata d’acqua scendesse giù, riuscirebbe a spazzare via il fango”. Con questa metafora, Marco Risi ha presentato a Napoli il suo ultimo film, ‘Fortapasc’, con Libero De Rienzo, Michele Riondino, Ennio Fantastichini e Valentina Lodovini, che uscirà in Campania venerdì 20 marzo e con un altro centinaio di copie il 27 in tutta Italia. Il film racconta gli ultimi mesi di vita di Giancarlo Siani, giornalista precario del ‘Mattino’ ucciso a soli 26 anni da sicari del clan Nuvoletta il 23 settembre 1985.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *