Strauss-Kahn: “Attenti ai più deboli”

CRISI – Il Fondo Monetario Internazionale è attento alle fasce più deboli in questo momento di crisi economica. Lo assicura il direttore generale dell’Fmi, Dominique Strauss-Kahn, in un’intervista a ‘La Stampa’.

“Ogni crisi colpisce tutti ma alcuni ne vengono colpiti con più violenza di altri – spiega Strauss-Kahn – credo che il Fondo debba preoccuparsi di chi è più vulnerabile in ogni società. Per esempio, abbiamo un programma col Pakistan e l’Fmi ha concordato con la Banca mondiale di destinare una somma alle fasce sociali piu’ deboli”.

Dal prossimo G20 in programma a Londra il numero uno del Fondo si aspetta dunque “misure per far ripartire la crescita, ripristinare la salute del settore finanziario, evitare il protezionismo”. Per quest’ultimo in particolare, osserva Strauss-Kahn, esiste “un rischio notevole” perche’ “c’e’ un protezionismo che entra dalla porta di servizio, soprattutto nel settore finanziario”.

Che la crisi sarà “lunga e difficile” e “nessuno può dire quando finirà” lo ribadisce il primo ministro francese, Francois Fillon, in un’altra intervista a ‘Europe 1′ confermando che il pil della Francia nel 2009 accuserà una contrazione dell’1-1,5% mentre il deficit pubblico esploderà arrivando al 5%.

“Speriamo di tornare a un deficit al 3% del pil entro il 2012” aggiunge Fillon che presenta un quadro molto severo e sottolinea che la nazionalizzazione non è la panacea per superare la crisi. “Non ci sono rimedi magici – afferma Fillon – e il governo non puo’ gestire le imprese’. Inoltre Fillon mette in rilievo che ‘nessu piano di stimolo all’economia puo’ scongiurare la crisi”.

Edgardo Fulgente

Edgardo Fulgente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *