Travaglio: “Paolo Berluscolis”

“Dice Paolo Bonolis, a proposito della mediasettizzazione di Sanremo a colpi di Marie De Filippi e Marchi Carta, che una volta tanto “le barriere tra aziende possono essere superate”. Le aziende in questione sono Rai e Mediaset, e questo è chiaro. Ciò che non è chiaro sono le barriere: Bonolis vede barriere fra Rai e Mediaset? E dove, di grazia? Sanremo, fra un gay guarito in salsa Povia (su testi del cardinal Bagnasco) e un’invasione di conigliette di Playboy (tipiche esponenti del servizio pubblico) è stato un mega-spot di “Amici”, il programma traino di Canale5. Ora apprendiamo che “Maria (De Filippi in Costanzo, ndr) è venuta in prestito, ed è stata una scelta sua”. Ecco, ha deciso lei. Poi, con calma, ha informato Del Noce, ex deputato FI, dunque direttore di Rai1 e Raifiction.

Le barriere fra Rai e Mediaset sono talmente ferree che una star di Mediset può svegliarsi la mattina e auto prestarsi alla Rai, con la contromarca in tasca per tornare subito a Mediset. Un po’ come fa Bonolis, che negli anni pari sta a Mediaset e nei dispari, quando non funziona più, va alla Rai che poi lo restituisce a Mediset come nuovo. Basterebbe dare un’occhiata alle intercettazioni del caso Hdc, quelle che non si potranno più pubblicare grazie alla legge porcata prossima ventura, per ricordare come Rai e Mediset concordano le notizie da dare e quelle da tacere sul Padrone Unico. Sanremo non è stato un’eccezione, ma la consacrazione di una regola vigente da almeno 15 anni. La Rai è come la De Filippi alla rovescia: è in prestito a Mediaset, è stata una scelta sua. Cioè di Berlusconi”. E’ quanto scrive Marco Travaglio su l’Unità nella su rubrica quotidiana ‘Zorro’.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *