409 anni fa, il rogo di Giordano Bruno

409 anni fa, il 17 febbraio del 1600, il rogo di Giordano Bruno in Campo dei Fiori a Roma. Il filosofo – sua la teoria relativa alla pluralità dei mondi – fu denudato, legato ad un palo e bruciato vivo. Per la prima volta la chiesa cattolica romana eliminava fisicamente un “eretico”; piu’ semplicemente uno scienziato, secondo i laici, teorico dell’eliocentrismo del sistema copernicano. Ricordare Giordano Bruno oggi non fa di certo male.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *