Coldplay “graziati” dall’accusa di plagio

L’accusa di plagio rivolta da un mito del rock come Joe Satriani alla band londinese Coldplay è stata archiviata. Di certo, ascoltando la successione di “Viva la Vida ” e il pezzo del 2004 “If I could fly” le similitudini sono veramente troppe,ma i Coldplay non sono nuovi ad accuse di plagio, come quando è stata la band dei Creaky Boasrds ad accusarli e poi possono anche esserci delle coincidenze e delle analogie come la copertina di ‘Viva la Vida’ raffigurante un quadro di Delacroix: fu adoperato da Milva nel 1965 per i ‘Canti della libertà’.

Gli addetti ai lavori hanno da tempo asserito che somiglianze e similitudini oramai sono inevitabili, nell”enorme produzione musicale ed i continui rimandi ad altri pezzi possono essere infiniti, del resto sono solo sette le note musicali; comunque, Joe Satriati che aveva intentato la causa di plagio presso la Corte federale di Los Angeles chiedendo “i soldi di tutti i profitti derivati dalla violazione del copyright” deve “accontentarsi” dell’essere stata “musa ispiratrice” di un pezzo che ha già incassato 7 nomination ai Grammy. Del resto può forse essere accusata solo la parte inconscia di Crhis Martin.

Suggerimento: nuovo pezzo formato dalla sovrapposizione di “Viva la Vida” e “If I could fly”. Può diventare l’ennesimo successo: con i profitti magari divisi, “fifty-fifty”, tra Satriani e Coldplay.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *