Mortensen: “Chi ha votato Berlusconi non si lamenti”

‘Molti decidono semplicemente di votare il meno peggio, come puo’ essere successo in Italia con Berlusconi, o nel mio Paese con Bush, spinti dalla paranoia e dalla paura. Ora chi l’ha fatto non puo’ lamentarsi’. Lo ha detto Viggo Mortensen, parlando di Good, il film presentato oggi in concorso al Festival di Roma.


‘I governi, buoni o cattivi, vogliono far pensare che quello che fa un individuo non conti, ma non e’ cosi’ – ha aggiunto. Ci sono sempre persone che trascorrono 24 ore al giorno a toglierci le nostre liberta’ personali. Se Barack Obama vennise eletto, gli andra’ ricordato ogni giorno’.
L’attore ha spiegato che per interpretare il ruolo del protagonista del film, un professore universitario che inizia a collaborare in Germania con il regime nazista, ha riflettuto ‘sul Brasile, l’Argentina, gli Usa negli ultimi otto anni e l’Italia sotto Berlusconi. Tutti i governi, qualunque sia la loro Costituzione, hanno come obiettivo primario la sopravvivenza, e il modo migliore per ottenerla e’ la vecchia regola del ‘divide et impera’. Sta ai cittadini chiedere qualcosa di diverso, perche’ ogni governo cerchera’ di schiacciare l’opposizione, creare un senso di sfiducia negli altri, puntando su temi come la sanita’ o accentuando la paranoia verso i propri vicini’.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *