Scuola, i genitori romani scrivono a Napolitano

‘Dietro ogni no, signor presidente, ci sono dei si’ per migliorare la scuola e non per tornare al passato’. E’ il messaggio che il coordinamento genitori e insegnanti di Roma ‘Non rubateci il futuro’, ha inviato in una lettera al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, che nei giorni scorsi aveva invitato al dialogo i contestatori del decreto Gelmini affinche’ da loro ‘non vengano solo dei no’.

Nella lettera e’ scritto che il percorso della riforma deve ‘svilupparsi in ambito parlamentare attraverso il normale iter legislativo’, evitare ‘di stravolgere le eccellenze del nostro sistema scolastico’ ma ‘interpellare le parti sociali, coinvolgere tutti i protagonisti della scuola, compresi i pedagogisti’.

Tra le proposte del coordinamento ci sono quella di elevare l’obbligo scolastico, estendere e potenziare l’educazione degli adulti. La dirigente della scuola elementare di Roma Iqbal Masih, Simonetta Salacone, che in serata ha partecipato alla notte bianca organizzata nella sua scuola, ha anche chiesto la collaborazione alle associazioni degli insegnanti affinche’ venga redatta una proposta di legge di iniziativa popolare per una nuova riforma della scuola.

‘Non rubateci il futuro’, inoltre, ha prodotto anche uno spot tv contro la reintroduzione del maestro unico, prodotto e distribuito dalla rete privata ‘Nessuno Tv’, presto sara’ visibile in blog di internet e probabilmente in televisione, proposto dal coordinamento e ideato da un’insegnante della scuola elementare Iqbal Masih, Rosela Maci. ‘Troppo note, troppi colori, troppe parole, troppi maestri…- dice lo spot – ne basta uno, tagliamo. Il maestro unico basta per tagliare la cultura’.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *