Caccia, in Italia a rischio la natura

Due disegni di legge del centrodestra mettono a rischio la legge quadro sulla caccia (157 del 1992), il testo che ha uniformato la legislazione italiana a quella comunitaria e dei principali Paesi europei, l’unico in Italia a protezione di mammiferi e uccelli. Tra le principali modifiche, l’azzeramento del principio per cui l’attività venatoria va esercitata nel territorio in cui si risiede; l’apertura della caccia anticipata ad agosto, nel periodo di riproduzione di molte specie, e la chiusura prolungata a fine febbraio, in piena fase di migrazione della fauna migratoria.

“Con queste proposte – dice Antonino Morabito, responsabile Fauna di Legambiente – si cerca di ottenere ‘licenza di uccidere’, senza nessuna conoscenza e nessun legame col territorio; partono dalla stessa frangia venatoria che nelle settimane scorse ha chiesto al ministro dell’Ambiente di presentare un decreto che rinviasse l’obbligo di utilizzo dei pallini di acciaio nelle cartucce in sostituzione di quelli di piombo, nonostante il pesantissimo inquinamento delle falde idriche causato da questo metallo e il numero elevatissimo di uccelli acquatici che muoiono avvelenati”.

“Se dal mondo venatorio italiano non venisse forte uno stop a queste follie per avviare, invece, il confronto la concertazione con ambientalisti e agricoltori, gli spazi per il dialogo tra i diversi attori si ridurrebbero drasticamente – continua Morabito-. E se l’Italia volesse davvero migliorare la legge 157, che nei suoi pilastri essenziali si è dimostrata molto ben fatta, sarebbe urgente e necessario che il governo realizzasse una seria e ricca relazione sul suo stato di applicazione in tutto il territorio nazionale, al fine di poter avviare un concreto momento di confronto con tutti i differenti attori sociali coinvolti”.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *