Libero: «L’espresso scopre ora: Togliatti assassino»

Il quotidiano “Libero” in edicola oggi dà grande risalto allo scoop de “L’espresso” sul video inedito: “Quel Togliatti mai visto”.
Pubblicare la foto in prima pagina di Togliatti sotto la scritta «REVISIONISMI RITARDATI» con un articolo a firma di Ugo Finetti da parte di Libero vuol dire dare “senso” e risonanza all’articolo de L’Espresso.
L’articolo dello “scoop” a firma di Giancarlo Bocchi inizia: «Esclusivo: dagli archivi di Mosca un documento eccezionale. Per la prima volta il leader comunista ritratto in un filmato assieme a Stalin. Ma anche lettere e carte gettano un’ombra nera sul “Migliore”. E sulla sua complicità nella tragica fine di tanti compagni scomparsi nei gulag sovietici». 

E’ talmente appetibile il bocconcino che lo stesso Finetti scrive: «Si tratta di testi interessanti, ma presentarli come uno “scoop” che ci fa scoprire la verità su Togliatti suscita più di un interrogativo».
Il silenzio mediatico e politico attorno alla vicenda è frastornante, possibile che l’aver utilizzato uno “scoop”, che tale non è come abbiamo ampiamente dimostrato ieri, al fine di evidenziare degli aspetti e innescare un dibattito culturale attorno alla figura del “Migliore” partendo da un giudizio che sembra inappellabile, non trovi risposte?
In verità, “il manifesto” con un articolo: “Era su YouTube – Quel Togliatti misterioso scoperto da «L’espresso»”, da merito a quinews.it della scoperta dell’«esclusiva» dell’Espresso e tutto ciò per noi ai primi passi è un grande riconoscimento.


Rimane l’attesa per una risposta che forse non arriverà mai e la sensazione di essere percepiti come coloro che tentano di strumentalizzare un’infelice uscita di un grande Gruppo Editoriale al fine di ritagliarsi un po’ di pubblicità, non è nell’intenzioni e nel DNA di quinews.it.

Carmelo Sorbera

Carmelo Sorbera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *