Brunetta annuncia un censimento sui precari

Il ministro della Funzione Pubblica Renato Brunetta torna sullo stop alla norma per la stabilizzazione dei precari. Nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Vidoni, nel corso della presentazione della Relazione al Parlamento sullo stato della Pa, ricorda che i contratti a termine della P.a. saranno prorogati fino al 30 giugno 2009 e annuncia che tutte le amministrazioni dovranno inviare entro 60 giorni dall’approvazione del disegno di legge delega sui lavoratori usuranti (ddl 1441) i dati sui propri lavoratori atipici.

“Faremo un censimento sui precari”, afferma Brunetta. “Vogliamo sapere chi e quanti sono, dove operano e che qualifiche hanno”. Parlando del provvedimento allo studio del governo, Brunetta aggiunge: “il governo prenderà i provvedimenti necessari per stabilire percorsi concorsuali per le categorie che ne hanno merito”.

“Nella verifica effettuata con il censimento – precisa il ministro Brunetta – gli amministratori che avranno operato fuori dalla legge, se la vedranno con la Corte dei conti. Mentre le amministrazioni che non invieranno dati verranno trattate come chi non ha precari, quindi non ha nessuno da stabilizzare”.

“Il governo precedente, nell’accordo con i sindacati – ha detto il ministro – aveva definito il limite di 3 anni per la stabilizzazione dei contratti a termine valida sia per il pubblico che per il privato. Io ho condiviso fin da subito questa norma che mirava a regolamentare una tipologia di contratti che, se reiterata all’infinito, non era nell’interesse dei lavoratori. Tuttavia la norma risultava un po’ fragile, dato che non precisava il numero dei precari e non indicava chi era entrato dopo aver vinto un concorso”.

“Una volta che la Funzione Pubblica avrà censito tutti i precari delle Pubbliche amministrazioni – ha annunciato Brunetta – il governo disporrà entro il 30 giugno un regolamento che provveda alla stabilizzazione dei contratti per i precari che lo meritano, in base alla regolarità del percorso svolto e dando ovviamente la priorità a coloro che hanno vinto il concorso per entrare nella Pa”.

Solidarietà ai precari in lotta, intanto, è arrivata dal premio Nobel Rita Levi Montalcini. “Ho sentito i loro problemi sono con loro. Sono un capitale umano eccellente da salvaguardare'” ha detto, commentando la manifestazione dei precari che questa mattina hanno accolto il sottosegretario al Welfare Ferruccio Fazio davanti all’Istituto superiore di sanità.

Anna Palmisano

Anna Palmisano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *