Il manoscritto dell’imperatore

 

Parma, febbraio 1248. Dense colonne di fumo oscurano il cielo della città sotto assedio. L’incendio divampa nell’accampamento imperiale: i soldati di Federico II di Svevia giacciono a terra massacrati senza pietà dai cittadini in rivolta. Mentre il fuoco distrugge ogni cosa e le tende vengono saccheggiate, il manoscritto sull’arte della falconeria scritto di pugno da Federico II scompare. Nove mesi più tardi, l’imperatore delega al proprio vicario, Ezzelino da Romano, il compito di ritrovarlo. Non può permettere che vada perso per sempre. Non solo perché si tratta di un’opera dal valore inestimabile, arricchita da miniature preziose. Soprattutto perché quei fogli contengono dissertazioni che, diffuse nel momento sbagliato, potrebbero scatenare un’accusa di eresia e rompere l’equilibrio già precario con la Chiesa.

Della missione è incaricato Gualdo da Margnano, fedele luogotenente di Ezzelino che, insieme con il giovane miniaturista francese Simone da Aix, raggiunge il castello di San Martino, dove forse è nascosto il trattato. Nessuno degli abitanti sembra conoscere l’esistenza di questo documento misterioso: né il castellano, né la giovane nipote, né il suo precettore, Matthew da Willingtham. Ma bisogna fare in fretta, esplorare ogni stanza, ogni andito. Perché una nuova guerra è cominciata. Le notizie sul manoscritto sono arrivate all’orecchio del papa. Innocenzo IV decide di affidare le ricerche a un inquisitore senza scrupoli. E mentre una vecchia pazza si aggira sui camminamenti delle mura e una strega esplora passaggi segreti, Matthew sarà coinvolto in crudeli giochi di potere, scanditi da enigmi sempre più insolubili. Fino a quando sarà il fato a decidere le sorti del manoscritto…

Il nuovo romanzo di Valeria Montaldi, che unisce una profonda conoscenza storica a un impeccabile stile narrativo, non è soltanto una serrata avventura medievale, ma anche un’acuta rappresentazione dei rapporti fra Stato e Chiesa, fra etica religiosa e pensiero laico che, letta oltre le righe, si presta a inevitabili discussioni e confronti con il nostro tempo.

Il manoscritto dell’imperatore
Valeria Montaldi
Editore Rizzoli
2008, 432 pp., 21.50

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *