Venere e Marte, restauro da “cuoio capelluto” di Premier

Il restauro costituisce il momento metodologico del riconoscimento dell’opera d’arte, nella sua consistenza fisica e nella sua duplice polarità estetica e storica, in vista della sua trasmissione al futuro” Cesari Brandi.

Il celebre gruppo marmoreo prelevato dalla Presidenza del Consiglio da più di un anno dal Museo delle Terme di Diocleziano e trasferito a Palazzo Chigi è stato oggetto di un restauro: mano e pene «aggiunti» alle due statue che non li avevano più. 

Inutile interloquire con gli artefici del restauro delle statue di Venere e Marte, oggi a Palazzo Chigi, perché l’opera d’arte come prodotto dell’attività umana pone una duplice istanza: l’istanza estetica che corrisponde al fatto basilare dell’artisticità per cui l’opera è opera d’arte; l’istanza storica che le compete come prodotto umano attuato in un certo tempo e luogo.

Il ripristino delle parti e la loro non discontinuità evidente è una squallida presunzione seppur documentata.
Inutile interloquire con gli artefici del restauro miseri esecutori di un’estetica da “cuoio capelluto” dell’attuale Premier occupante Palazzo Chigi: “ripristino delle parti mancanti per un’immagine difforme ed atemporale la cui evidente distorsione vanifica la verità storica in una fissità effimera”.

Carmelo Sorbera

Carmelo Sorbera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *