“Eyjafjöll” chiude lo spazio aereo di Scozia e Irlanda

Lo spazio aereo della Scozia e dell’Irlanda del Nord, a causa di un’alta concentrazione di ceneri vulcaniche nell’atmosfera, rimarrà chiuso nuovamente mercoledì, nel frattempo la nube di cenere si sta muovendo verso sud.
Gli esperti hanno indicato il vulcano Eyjafjöll, in Islanda, ancora attivo, con una riduzione della cenere emessa.
I ministri dei trasporti dell’Unione europea riuniti a Bruxelles dovrebbero studiare la possibilità di compensare le compagnie aeree colpite dall’eruzione del vulcano e misure per evitare ulteriore caos in futuro, con l’ipotesi della creazione di uno spazio aereo unico che pur non risolvendo tutti i problemi permetterebbe che il processo decisionale avesse tempi più brevi.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *