Guantanamo ancora carcere nel futuro

Il governo statunitense deve raddoppiare gli sforzi per trovare una soluzione al futuro dei detenuti ancora trattenuti presso il centro militare di detenzione di Guantanamo Bay, Cuba, ha dichiarato Amnesty International dopo che il presidente Barack Obama ha riconosciuto che la sua amministrazione non rispetterà la scadenza da lui preventivata per la chiusura del centro.“Negli ultimi mesi, le autorità statunitensi hanno permesso che la questione di Guantanamo divenisse una partita politica e che la politica della paura avesse la meglio sui diritti umani” – ha affermato Susan Lee, direttrice del Programma America di Amnesty International.

“Come avrebbe dovuto fare sin dal primo giorno, ora il governo deve trovare una soluzione per queste detenzioni, sottoponendo i prigionieri a un processo equo o rilasciandoli immediatamente” – ha aggiunto Susan Lee.
Il 22 gennaio 2009, il presidente Obama ha firmato un ordine esecutivo, impegnando la sua amministrazione a risolvere i casi dei detenuti di Guantanamo “il prima possibile” e a chiudere il centro di detenzione “non più tardi di un anno dalla data di questo ordine”.

Nel suo commento di ieri, il presidente Obama non avrebbe fissato una nuova data esatta per la chiusura del centro, dichiarando di aver anticipato che sarebbe stata realizzata entro l’anno successivo e aggiungendo che sarebbe “dipesa dalla collaborazione del Congresso”.

Le speranze di porre fine alle detenzioni a Guantanamo quest’anno si sono affievolite negli ultimi mesi, quando i membri del Congresso hanno cercato di bloccare la chiusura del centro e l’amministrazione è stata lenta nel formulare le accuse contro i prigionieri.

Al tempo stesso, gli sforzi diplomatici per cercare una soluzione per i detenuti che non possono fare ritorno ai loro paesi di origine, perché a rischio di violazioni dei diritti umani, sono stati indeboliti dal rifiuto delle autorità statunitensi di rilasciare anche un solo detenuto sul territorio degli Usa.

Amnesty International chiede da tempo che i detenuti di Guantanamo siano sottoposti a processo in un tribunale indipendente e imparziale, non una commissione militare, oppure rilasciati immediatamente.

L’organizzazione per i diritti umani ha inoltre ripetutamente chiesto agli Usa di non ricorrere alla pena di morte in nessun caso.

Da quando il presidente Obama si è insediato, 26 detenuti sono stati trasferiti da Guantanamo mentre altri 215 sono ancora nel centro.

Un detenuto è stato trasferito per essere sottoposto a processo presso un tribunale federale di New York e l’amministrazione ha annunciato che questo avverrà per altri cinque prigionieri; con molta probabilità sarà chiesta per loro la pena di morte.

Il ministro della Giustizia statunitense ha anche detto che l’amministrazione ha deciso di rinviare altri cinque casi al Pentagono, affinché siano processati da una commissione militare.

Nel suo ordine del 22 gennaio, che chiedeva all’amministrazione statunitense di assicurare “un’immediata e appropriata” risoluzione di ogni caso e di chiudere il centro di Guantanamo entro un anno, il presidente Obama aveva richiamato l’attenzione sulle “significative preoccupazioni sollevate da queste detenzioni, sia negli Usa sia a livello internazionale”.

“Queste preoccupazioni permangono e saranno rafforzate dalle dichiarazioni rilasciate da Obama ieri” – ha concluso Susan Lee.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *