Errori in tracce temi liceo musicale

MATURITA’ – LO DENUNCIA LA CGIL. ‘Anche quest’anno non mancano errori nelle tracce per le prove d’esame. Cambiata, con fare decisionale e punitivo dopo gli errori dello scorso anno, la persona addetta alla sovrintendenza alle prove degli esami di stato, non sembra pero’ essere diminuita la probabilita’ di errori’. E’ quanto denuncia il segretario generale della Flc Cgil, Domenico Pantaleo sottolineando che ‘quest’anno e’ toccato al liceo musicale: il piano didattico del liceo musicale, che e’ ancora sperimentale ma che dal 2010 entrera’ in ordinamento, prevede che la prova di maturita’ di indirizzo sia una prova di ‘un corale da armonizzare oppure un brano da analizzare”.

‘La prova di analisi fornita oggi ai maturandi dal Ministero – evidenzia Pantaleo – e’ incompleta, mancano le ultime tre pagine che corrispondono alla ‘ripresa’ (definizione della forma sonata) e, nella traccia, viene attribuita come sonata a F.J. Haydn anziche’ a L.v.Beethoven. Si tratta infatti dell’opera 14 n.2 Sol maggiore di L.v. Beethoven, come correttamente riportato nel frontespizio del testo, ma non nella traccia predisposta dal Ministero. Insomma – prosegue – l’ennesimo pasticcio e per di piu’ proprio in quel liceo musicale che, costituendo una significativa novita’ dei nuovi ordinamenti ( in realta’ era gia’ presente anche negli ordinamenti di Berlinguer e della Moratti, che pero’ non hanno mai visto la luce), rappresenta la medaglietta al petto del Ministro Gelmini da lustrarsi ad ogni conferenza stampa’.

Secondo Pantaleo non e’ pero’ un ‘errore del neofita’.
Infatti, evidenzia ancora il segretario generale della Flc Cgil, ‘i licei musicali esistono in forma sperimentale fin dal 1977 e in 32 anni c’era da sperare che al Ministero ci fosse qualcuno un po’ meno approssimativo in grado di capire che un testo musicale non e’ tale se non e’ completo e che l’autore indicato nella traccia deve essere veramente quello del testo, pena la confusione dei maturandi davanti alla prova. Il liceo musicale parte male: non solo il Ministero non ne concede neppure uno per provincia, ma sbaglia pure le tracce per le prove d’esame’.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *