Spagna – la Chiesa contro l’aborto

La Chiesa spagnola dichiara la sua contrarietà alla liberalizzazione dell’aborto e chiede ai parlamentari cattolici il voto contrario al progetto del governo socialista di Jose Rodriguez Zapatero.


La legge in vigore dal 1985 consente l’aborto solo nei casi di stupro (fino a 12 settimane), per malformazioni del feto ( fino a 22 settimane) o in pericolo della salute fisica mentale o danno per la madre, senza limiti di tempo.
Nel piano del governo del governo si vuole legalizzare l’aborto fino a 14 settimane ed a determinate condizioni a 22 settimane, e consentire l’aborto senza il consenso dei genitori a partire dai 16 anni. Non è la prima volta che la Chiesa cattolica spagnola, attraverso le dichiarazioni della Conferenza Episcopale (CEE) si schiera contro l’aborto.

Anna Palmisano

Anna Palmisano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *