Ban Ki-moon, in Sri Lanka, preoccupato per i campi profughi

300.000 sfollati a causa del conflitto contro le Tigri Tamil adesso affollano i campi profughi nel nord-est del paese in una situazione estremamente critica che ha convinto il Segretario delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon ad arrivare nello Sri Lanka dopo la relazione dei funzionari dell’ONU, e convincere il Governo ad autorizzare l’accesso ai campi alle organizzazioni internazionali.
I campi profughi vengono descritti dal governo come “villaggi di benessere” mentre gli attivisti Tamil li hanno paragonati a campi di concentramento. Dopo una guerra durata oltre 25 anni, in cui l’ONU stima abbiano perso la vita 100.000 persone, di cui 7.000 civili uccisi nel 2009, e dopo la vittoria dei cingalesi adesso il processo di riconciliazione nazionale deve affrontare le legittime aspirazioni dei tamil che rappresentano il 12,6% della popolazione.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *