Sandri, il padre di Gabbo: “Vedrò l’assassino di mio figlio”

“Vedrò in faccia l’assassino di mio figlio, immaginate come posso sentirmi, le mie sensazioni”. E’ quanto ha detto Giorgio Sandri, padre di Gabriele, il giovane tifoso laziale ucciso l’11 novembre 2007, nell’area di servizio della A1 di Badia al Pino (Arezzo), da un colpo esploso dall’agente della Polstrada Luigi Spaccarotella, prima dell’inizio del processo a carico dell’agente accusato di omicidio volontario.

“Voglio giustizia per Gabriele – continua la mamma di Gabbo -. Penso solo a mio figlio che non c’e’ piu'”. In aula anche Cristiano, il fratello maggiore di Gabriele: “Vedremo le sembianze di chi ha ucciso mio fratello”.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *