Dalai Lama: “Fermare cure se non c’è più coscienza”

“Se c’è la possibilità di recuperare la coscienza e le funzioni mentali, ‘bisogna andare avanti’ con le cure, “se invece si tratta di mantenere in vita un corpo, allora bisogna fermarsi”. Lo ha detto il Dalai Lama – oggi a Roma per ricevere la cittadinanza onoraria – a proposito del caso di Eluana Englaro, in un’intervista al Tg5. Nel buddismo, ‘nei casi di male incurabile c’è una pratica che consente l’abbandono della coscienza dal corpo’; negli altri casi, al contrario, anche noi ‘parliamo di suicidio’, ha sottolineato la guida spirituale tibetana.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *