La Russia ha interrotto la sua esportazione di gas verso l’Ucraina

MOSCA – La Russia ha interrotto le forniture di gas all’Ucraina lo ha detto un portavoce del gigante russo Gazprom: “Le forniture di gas sono stati arrestati alle ore 10.00”, questa la dichiarazione alla stampa.
La Russia aveva avvertito che le forniture sarebbero state tagliate a Kiev se non avesse risolto tutti i suoi debiti, e Gazprom aveva annunciato la sera di mercoledì il fallimento dei negoziati con la società ucraina Naftogaz avvertendo che avrebbe cessato la consegna dal primo gennaio 2009, e questa mattina l’ ha attuata, dopo infruttuosi negoziati, sollevando i timori di interruzioni nelle forniture per l’Europa. 
Il portavoce di Gazprom ha comunque assicurato che le consegne per l’Unione europea sono state mantenute: “Il transito verso l’Europa continua con un volume di 300 milioni di metri cubi al giorno”.
L’impresa del settore energetico ucraino Naftogaz ha detto che le consegne di gas russo all’Ucraina è stato ridotto, verra garantito il transito di idrocarburi attraverso il suo territorio verso l’Europa. L’auspicio è nella ripresa dei negoziati, nel corso della precedente crisi del gas tra la Russia e l’Ucraina nel gennaio 2006, vi erano state delle accuse di furto da Mosca nei riguardi di Kiev, del gas in transito attraverso il suo territorio.
La Russia fornisce circa il 25% del gas consumato nell’Unione europea, sia l’Ucraina che l’Unione europea hanno detto di aver istituito adeguate riserve per l’inverno minimizzando così l’impatto potenziale di un taglio immediato.

Dalle prime notizie le consegne di gas russo alla Polonia sono state senza interruzioni questa mattina, dopo il taglio alla vicina Ucraina ordinato dal produttore russo Gazprom.
“Il trasferimento di gas in Polonia attraverso l’Ucraina si è svolto senza interruzioni”, lo ha affermato il portavoce di Gaz-System, Malgorzata Polkowski, citato dalla agenzia PAP.
Ha detto che la pressione del gas alla stazione di frontiera Drozdowicz è stato “normale”, il che corrisponde ad un trasferimento di circa 7 milioni di m3 di gas al giorno.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *