Dico tutto

“A oggi mi sono fatto 17 anni da disgraziato e 9 da miliardario.
Me ne mancano ancora 8, prima di pareggiare.”

Il talento più splendente e controverso del calcio italiano era già un idolo per tutti, nei vicoli di Bari Vecchia, dove è nato. Perché il mondo lo scoprisse ha però dovuto aspettare una sera di dicembre del 1999, quando, grazie a un gol rimasto impresso nella memoria di molti (di sicuro in quella degli interisti), ha stupito per la prima volta. Non aveva ancora compiuto diciotto anni.
Da quel giorno è diventato ricco, famoso, pure piuttosto bello (lo dice lui…), ma non è mai cresciuto. Antonio Cassano è ancora e per sempre Peter Pan. Colpi di genio e autogol clamorosi, una linea mai retta verso il futuro, grandi esaltazioni e depressioni folli, maglie tirate in faccia, litigi, fughe e magie.
In questo libro, nove anni dopo quel colpo di tacco, guarda per la prima volta dietro e dentro di sé. Racconta i diciassette anni di povertà, i nove di ricchezza, gli allenatori, le donne, il cibo, le Ferrari (si dice Ferrar’…), gli amici, pochi ma fidati, e gli obiettivi che ha in testa: la felicità prima di tutto, quella che non si misura dal numero degli scudetti vinti. Dice tutto a voce alta, con le mani che per una volta non sono davanti alla bocca per evitare l’occhio spietato delle telecamere. Pagine di fronte alle quali vi sorprenderete: distanti da calcoli, perbenismo, banalità e compromessi, piene di un’umanità vitale e intensa, sincere e autoironiche fino allo sberleffo liberatorio e rivelatore. Riderete, molto. Soprattutto gli sentirete dire cose che nessun altro calciatore ammetterebbe mai. Molto più sorprendenti di un colpo di tacco.

Dico Tutto
Antonio Cassano e Pierluigi Pardo
Editore: Rizzoli Collana: Di tutto di più
2008, 196 pp., 16 euro

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *