Travaglio: “Obama smantella il Bushismo, in Italia sconcerto dei riformisti…”

“Ora però questo Obama, indipendentemente dall’abbronzatura, esagera. Mentre in Italia si discute di temi attualissimi – se sia meglio il fascismo o l’antifascismo, se davvero i cittadini siano uguali dinnanzi alla legge, se non sia il caso di riabilitare Mangano, Gelli e magari il Papa Re, e soprattutto di riaprire la Bicamerale – il neopresidente Usa annuncia lo smantellamento del bushismo con la cancellazione di 200 leggi volute da George W. in materia di energia, ambiente, staminali, stato sociale, diritti civili”. E’ quanto scrive, tra l’altro, Marco Travaglio, oggi, sul quotidiano ‘l’Unità’, in un articolo dal titolo ‘Johnny coraggio’, nella sua rubrica quotidiana ‘Zorro’.

“Figurarsi – continua Travaglio – lo sconcerto dei ‘riformisti’ e ‘terzisti’ di casa nostra, che nel 2006 spiegavano all’Unione che non stava bene azzerare quando fato dal governo precedente, dunque guai ad abolire le leggi ad personam di Al Tappone. A sinistra abboccarono in molti, tra cui Rutelli: “E che facciamo, buttiamo via tutte le leggi di Berlusconi? Non si può ripartire da capo ogni volta. A chi dice che bisogna abolire il 99% delle leggi fatte dalla destra rispondo di no, è sbagliato” (2-11-2006). Detto, fatto: nessuna delle leggi vergogna fu abrogata, così gli elettori – conclude Travaglio – abrogarono il centrosinistra. (…)”.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *