La Russa: “Grazie alla Bossi-Fini l’Italia non è più un colabrodo”

Grazie alla legge Bossi-Fini sull’immigrazione l’Italia non è più un “colabrodo”, secondo il ministro della Difesa Ignazio La Russa, che rileva un gran numero di domande di regolarizzazione anomale. “Che ci possano essere, per carità, delle correzioni o degli aggiustamenti da fare, siamo d’accordo”, afferma La Russa in un’intervista al ‘Giornale’. “Ma l’effetto e il successo di quella legge sono dovuti soprattutto al senso dissuasivo che ha avuto. Il messaggio che è arrivato nei Paesi stranieri è che l’Italia non è più un colabrodo”. La “stragrande maggioranza delle domande di regolarizzazione che abbiamo ricevuto, più dell’ottanta per cento – prosegue – è presentata da immigrati a favore di altri immigrati”, una “percentuale del tutto anomala” che fa sorgere il “sospetto” che “queste domande siano assunzioni di comodo”.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *