Ti ascolto


Ti ascolto
vita trascorsa
che splende nella notte percorsa
forza del mattino
sempre a me vicino
hai svegliato il tuo amare
e deciso di andare
regalo incontrato
da sempre cercato, trovato.

Ti ascolto
specchio di vita, distesa
il mio sul tuo respiro pesa
tu, dovuta difesa dagli affetti cari
consapevoli ostacoli e non fari
penetri giovane, donna, la mia vergine follia
della vita ragione, lucida pazzia
schiavo felice di un tributo
svegliarsi padre è sogno avuto.

Ti ascolto
complice e giudice che aspetti e taci
di condurmi per mano non dici
urla il tuo odore
devoto e irraggiungibile amore
umano, solo e sofferto
linfa di un cuore aperto
ubriaco dalla tua pelle stupito
sorrido e partecipo all’infinito.

Ti ascolto
preparare il calore di madre
mai sazia o gelosa di ladre
generosa gioia instancabile
piena fiducia mai labile
scelto e scelta nel vento di marzo
sicura e sostegno di sfarzo
il tempo brucia e fessura
dentro consuma e misura.

Ti ascolto
compagna di gioie e dolore
carezza di anni e di ore
la sera un abbraccio che canta
sereni un calore vi ammanta
attesi da grida e giochi di bimbo
non voglio sentir parlare di limbo
di mano in mano finisce
eterno, mai per questo perisce.

Carmelo Sorbera

Carmelo Sorbera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *