Riano – “pericoloso” andare a piedi

“La Rosta”, frazione del comune di Riano al km 25 della via Flaminia.


I cittadini di Riano abitanti in via Monte Primo per poter raggiungere Roma con i mezzi pubblici, attraverso i treni della vicina stazione ferroviaria Roma-Viterbo sono costretti a percorrere un tratto della statale SR3 Flaminia in assenza di alternative.
300 metri di percorso sprovvisto di marciapiede, di adeguati, protetti e sicuri spazi per pedoni o di altri accorgimenti e che rappresenta per i cittadini che ne fanno uso un vero pericolo per l’incolumità.
Molti cittadini, ogni mattina e ogni sera, rischiano di rimanere investiti dalle automobili.
La via Flaminia, anche nel tratto che ricade nel territorio di Riano, risulta essere di pertinenza dell’ASTRAL S.p.A. – Società che attiene alle attività di gestione e di manutenzione straordinaria della “Rete Viaria Regionale”; da comunicazioni provenienti dall’ASTRAL S.p.A. si apprende che per la tipologia delle strade facenti parte della Rete Viaria Regionale interventi quali “marciapiedi o altri accorgimenti per la salvaguardia dei pedoni” possono essere ricondotti all’attività di manutenzione straordinaria e di implementazione della qualità della rete, di competenza della Regione e per essa di ASTRAL, solo qualora connessi ad opere di attraversamento/scavalco, quali ponti, cavalcavia, etc.
Sempre da comunicazioni dell’ASTRAL S.p.A. si precisa che diversamente, qualora dette esigenze siano relative ad un tratto stradale che attraversa un centro abitato, anche inferiore ai 10.000 abitanti, l’intervento richiesto va ricondotto nell’ambito dei rapporti tra Comune attraversato ed Ente Proprietario della strada, così come regolati nel “Verbale” di cui all’art. 4 della Circolare del Min.LL.PP.n.6709/2007.
La tutela della salute è un diritto sancito dalla Costituzione.
Ciascuno Ente per gli ambiti di propria competenza deve intervenire a tutela dell’incolumità e della sicurezza dei cittadini, è quanto viene segnalato da “Aria Nuova per Riano”.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *