Santoro “risponde”

Alla decisione della Rai di multare Michele Santoro, per un insulto rivolto al direttore generale dell’azienda Mauri Masi nella puntata di apertura con 10 giorni di sospensione senza stipendio, ad iniziare da lunedì 18 ottobre, dal conduttore di “Anno Zero”, “regolarmente in onda domani, arriva la risposta:
«”Attentato alla televisione” di Michele Santoro al Consiglio d’amministrazione Rai”
Gentile Presidente e gentili Consiglieri,
il provvedimento disciplinare assunto nei miei confronti, con una procedura ad personam, è di una gravità inaudita e, contro di esso, reagirò con tutte le mie forze in ogni sede. Ritengo, tuttavia, che il Consiglio, anche senza entrare nel merito di questa “punizione esemplare”, debba pronunciarsi sulla decisione assunta dal Direttore Generale di metterla in atto cancellando due puntate di Annozero. Una punizione nei miei confronti si trasforma così in una punizione per il pubblico, per la redazione, per gli inserzionisti, per la Rai. E, in questo modo, si spezzano le gambe ad un programma di grandissimo successo, dopo averlo già sottoposto a una partenza ad ostacoli, dopo che ogni settimana deve andare in onda in un clima di tensione, dopo che Vauro e Travaglio sono costretti a fornire gratuitamente le loro prestazioni senza che vengano fornite motivazioni di sorta. Considero tutto questo un vero e proprio attentato alla televisione di fronte al quale ognuno deve assumersi le proprie responsabilità.
Cordiali saluti. Michele Santoro »

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *