I Mille sbarcano a Genova

Un gruppo di italiani che vivono a Barcellona, seriamente preoccupati per quanto avviene in Italia, pur non dimenticando la crisi presente anche in Spagna, ma con la sensazione che la situazione in Italia sia particolare, soprattutto sul piano culturale, umano e relazionale; hanno deciso di occupare una parte di una nave in un servizio di linea, ed imbarcarsi venerdì 25 GIUGNO dalle 22:00 fino alle 23:30 per poi arrivare a Genova intorno alle ore 18:00 di sabato 26.
“Sarà la nave dei diritti, che ricorderà la nostra Costituzione e la sua origine, laica e pluralista, la centralità della libertà e della democrazia vera, partecipata, trasparente: dai luoghi di lavoro alle scuole, ai quartieri, ai servizi, al territorio. Ricorderà che il pianeta che abbiamo è uno, è questo, questo è il nostro mare, di tutti i popoli. Che chiunque ha diritto di esistere, spostarsi, viaggiare, migrare, come ha diritto che la sua terra non sia sfruttata, depredata. Ricorderà che le menzogne immobilizzano, mentre la verità è rivoluzionaria”.
Perché: “Il razzismo cresce, così come l’arroganza, la prepotenza, la repressione, il malaffare, il maschilismo, la diffusa cultura mafiosa, la mancanza di risposte per il mondo del lavoro, sempre più subalterno e sempre più precario. I meriti e i talenti delle persone, soprattutto dei giovani, non sono valorizzati. Cresce la cultura del favore, del disinteresse per il bene comune, della corsa al denaro, del privato in tutti i sensi”.
La Nave dei Diritti ha già raccolto tantissime adesioni: dallo scrittore Erri de Luca ai premi Nobel Josè Saramago e Dario Fo, da Beppe Grillo a Roberto Vecchioni al jazzista Paolo Fresu e poi associazioni antirazziste e movimenti, tra questi, i No-Tav e Rete scuole.
Per quanti vorranno far parte dei mille il programma:  ora-per-ora-definitivo

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *