Il nazista & il barbiere

Max Schulz è certo di essere ariano. Sua madre, d’accordo, fa la prostituta, ma ha una clientela fissa, e tutti i possibili padri – Max Schulz ha controllato – sono ariani purissimi. Figlio di prostituta e vittima di un patrigno perverso: la vita di Max Schulz sarebbe ben triste se non fosse per il suo migliore amico, Itzig Finkelstein, figlio di un ricco barbiere.

La famiglia di Itzig è colta, accogliente, ricca di tradizione. Un luogo caldo per Max Schulz, che partecipa ai canti dello Shabbat, frequenta la sinagoga, mastica persino un po’ di yiddish. Quando Hitler prende il sopravvento, Max Schulz si arruola nelle SS e impara il mestiere non facile dello sterminatore. Lo pratica a volontà a Laubwalde, un campetto di sterminio in Polonia, molto meno prestigioso di Auschwitz, si intende. Comunque il lavoro è lavoro e Max Schulz, molto professionalmente, si occupa di persona anche dello sterminio dell’amico Itzig e famiglia.

Ma le cose cambiano sempre, e presto tocca a Max Schulz darsela a gambe, tallonato da russi e partigiani.
Persona previdente, porta con sé un sacco pieno di denti d’oro. Sarebbe morto assiderato nella gelida foresta polacca se non fosse stato per Veronja, antichissima strega delle fiabe, che lo nasconde nella sua casetta ai margini del bosco. Non si dà niente per niente, e anche Veronja vuole il suo tornaconto… Max si era imposto di non fare sesso con donne di più di settant’anni, ma fa di necessità virtù. Arriva la primavera, si può rompere il cranio a Veronja e tornare in Germania. A Berlino, bisogna organizzarsi un po’; i nazisti non godono di buona stampa. Soluzione: cambiare identità. Max Schulz si fa tatuare sul polso un numero di Auschwitz, si fa circoncidere. D’ora in avanti, sarà Itzig Finkelstein, sopravvissuto all’olocausto.

Tra risarcimenti tedeschi, aiuti finanziari di magnati americani e commercio di denti d’oro, Max Schulz, alias Itzig Finkelstein, se la cava egregiamente. Animo curioso, si avvicina al movimento sionista.
Sarà tra i primi a sbarcare in terra d’Israele, combatterà gli inglesi, pianterà alberi nel deserto del Neghev.

“Uno per ogni ebreo ucciso”. Comprerà un salone da barbiere, sposerà una donna ammutolita – sopravvissuta dopo essere stata sepolta viva in una fossa comune. Pentito? No. Diabolico? Non solo. Più truce, più abile, più meschino… Non è facile ammetterlo, ma Max Schulz, alias Itzig Finkelstein, è in tutti noi.

Il nazista & il barbiere
Edgar Hilsenrath
Traduzione di Maria Luisa Bocchino
Editore: Marcos Y Marcos
2010, 416 pp., 16 euro

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *