Commissari europei: “critiche” sui body scanner

Siim Kallas, l’estone, commissario europeo designato per i trasporti, ha detto giovedì, nel corso di un’audizione dinanzi ai deputati che i “body scanner” introdotti negli aeroporti non sono una “panacea” per garantire la sicurezza.
Aggiungendo che è deplorevole la mancanza di coordinamento a livello europeo su questo tema auspicando un regolatore unico europeo ed ha sottolineato le questioni relative alla salute e alla vita privata per giustificare le sue riserve pur ammettendo che bisogna dare risposta alle nuove preoccupazioni che i recenti avvenimenti hanno sollevato.
Viviane Reding, la lussemburghese, commissario designato per la giustizia aveva dichiarato martedì, la sua opposizione all’utilizzo dei “body scanner” negli aeroporti senza rigorose garanzie per la protezione della privacy.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *