La crisi si abbatte sulle famiglie

ISTAT – Caduta libera del potere d’acquisto delle famiglie italiane. Tra il mese di ottobre 2008 e quello di settembre 2009 – rende noto l’Istat – il reddito disponibile in termini reali è diminuito dello 0,2% rispetto al trimestre precedente e dell’1,6% rispetto all’anno precedente. La propensione al risparmio delle famiglie (definita dal rapporto tra il risparmio lordo delle famiglie e il loro reddito disponibile) è invece aumentata e si è attestata al 15,4%, lo 0,2% in più rispetto al trimestre precedente e lo 0,4% in più rispetto al corrispondente trimestre del 2008.

Il reddito disponibile delle famiglie è calato dello 0,4% in valori correnti rispetto al trimestre precedente e dell’1% in termini tendenziali. La spesa delle famiglie per consumi finali si è ridotta dello 0,6% a livello congiunturale e dell’1,5% in termini tendenziali.

Continua anche la flessione del tasso di investimento delle famiglie (definito dall’Istat tra gli investimenti fissi lordi delle famiglie, che comprendono gli acquisti di abitazioni e gli investimenti strumentali delle piccole imprese classificate nel settore e il loro reddito disponibile lordo) che nel terzo trimestre 2009 si è fermato al 9%, 0,3 punti percentuali in meno rispetto al trimestre precedente, risentendo di una riduzione degli investimenti (-2,9%) molto superiore a quella del reddito disponibile (-0,4%).

“L’indifferenza del governo affama le famiglie e le manda in rovina”. E’ il commento di Gianni Pagliarini, responsabile Lavoro del PdCI – Federazione della sinistra, ai dati Istat. “Siamo oltre il livello massimo d’allarme. I dati Istat – continua Pagliarini -sconfessano la propaganda del governo e rappresentano forse l’ultimo campanello d’allarme per invertire la tendenza. Se il governo non mette mano alla questione salariale la crisi, in brevissimo tempo, porterà al collasso generale le famiglie e l’economia italiana”.

Per il Codacons si tratta “di un dato già molto preoccupante, ma nella migliore delle ipotesi, infatti, si tratta della media del pollo. I pensionati al minimo, così come le famiglie a rischio di povertà relativa, hanno un’inflazione da doppia a tripla rispetto alla media delle famiglie italiane. Per loro – continua il Codacons – il calo del potere d’acquisto è almeno doppio e, quindi, supera abbondantemente la soglia del 3%. Da tempo il Codacons, inascoltato, chiede all’Istat e al Governo indici dei prezzi differenziati per fasce di reddito e per fasce sociali per verificare come l’inflazione si spalma diversamente sulle varie categorie sociali. In particolare sarebbe necessario un indice dei prezzi ad hoc per i pensionati, sul quale calcolare l’adeguamento delle pensioni. Inevitabile, quindi, che tutti i dati derivati, anche indirettamente, dall’inflazione, come la perdita del potere d’acquisto, siano poi sballati da questo deficit di analisi”.

Edgardo Fulgente

Edgardo Fulgente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *