2010 primi segnali: è ancora crisi

La crisi, al contrario di quanto affermano in molti, ancora non si è conclusa, lo confermano anche i primi segnali del 2010: infatti, le vendite a saldo, iniziate da qualche giorno, secondo quanto monitorato dall’Osservatorio Nazionale Federconsumatori, stanno registrando un calo di circa il 5% rispetto allo scorso anno, quando tale caduta aveva raggiunto addirittura il 20%! Oltre a ciò, si iniziano a registrare diverse tensioni sui prezzi, dal rc-auto alle bollette del gas, dai trasporti all’acqua, dai rifiuti ai carburanti, con una previsione di aumenti tariffari nel 2010 di oltre 600 Euro.
“Il 2009, ormai, si è concluso senza che nessuna manovra sia stata avviata a favore delle famiglie. Ora, con il nuovo anno, ed alla luce delle prime avvisaglie, tutt’altro che positive, è indispensabile cambiare rotta.” lo dichiarano Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, Presidenti di Federconsumatori e Adusbef.
In attesa del 78 Consiglio dei Ministri, il primo del 2010, dopo “troppi” giorni di inattività istituzionale.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *