Treno 904 – Strage dimenticata

25 anni fa una bomba posta nella nona carrozza di II classe del treno Rapido 904 stroncò le vite di 16 persone. Fu la ripresa del “terrorismo” mafioso dopo la normalizzazione operata dalla mafia negli anni ’40 e ’50 con l’uccisione di esponenti della Società Civile e la strage di Portella della Ginestra; seguita dalla “guerra” allo Stato del 1992-93.
All'”Associazione tra i Familiari delle Vittime della Strage sul Treno Rapido 904 Napoli – Milano del 23 dicembre 1984″ impegnata a trasmettere la memoria di una delle più efferate stragi che hanno colpito il nostro Paese è giunto il messaggio del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano: “Il mio commosso pensiero va alle vittime innocenti e al dolore dei loro familiari. L’iniziativa di rievocazione dei significativi momenti del tragico viaggio rende ancor più intenso il ricordo di un attentato che colpì profondamente il Paese, creando angoscia e sgomento. Come ho avuto già modo di sottolineare, occorre un impegno costante di trasmissione della memoria che si traduca in una rinnovata ampia assunzione di responsabilità per la difesa dei valori di legalità, di democrazia e di libertà come fondamento del nostro patto costituzionale. Non dimenticare quel che è accaduto, far vivere il ricordo di tutte le vittime di una così cieca e crudele violenza è un dovere che la comunità nazionale ha nei confronti delle nuove generazioni. Con questi sentimenti di partecipe solidarietà, rivolgo i più cordiali e affettuosi saluti ai familiari delle vittime, all’Associazione che li rappresenta e a tutti i presenti.”.
http://www.stragetreno904.it/Default.asp

Vittoria Pirro

Vittoria Pirro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *