L’Aquila non è Kabul

La terra trema e L’Aquila crolla. È la notte del 6 aprile 2009, una data che rimarrà impressa nella storia ella città. Il centro storico è distrutto, così come tanti paesi a pochi chilometri dal capoluogo: Paganica, Onna, Tempera, molti altri. Lentamente riemergono i morti: sono dieci, cinquanta, cento. Trecento, forse più.

Giuseppe Caporale, corrispondente della Repubblica in Abruzzo, è tra le prime persone ad arrivare nel cuore martoriato del capoluogo abruzzese, forse il primo giornalista. È ancora buio, la percezione di quanto è successo non del tutto chiara. Nei giorni successivi tutta Italia verrà a conoscenza della situazione surreale in cui la città era piombata fin da Natale: una serie infinita di piccole scosse continue, il famigerato sciame sismico, aveva tolto il sonno e la serenità a molti. Gli aquilani l’aspettavano da mesi, e alla fine il terremoto è arrivato davvero. Eppure in molti l’avevano detto. Tecnici, giornalisti, amministratori. E forse chi doveva dar loro ascolto non l’ha fatto sino in fondo. Ma si può parlare davvero di tragedia annunciata? Le responsabilità umane esistono o si tratta solo di un terribile capriccio della natura? I soccorsi sono stati rapidi ed efficienti come avrebbero dovuto, e come è stato raccontato? A queste e ad altre domande rispondono Caporale, stendendo un diario sul campo che parte dalle settimane immediatamente precedenti alla scossa fatidica e che arriva fino ai giorni del G8 di luglio.

L’Aquila non è Kabul. Cronaca di una tragedia annunciata
Giuseppe Caporale
Con prefazione di Carlo Bonini
Editore: Castelvecchi. Collana: Analisi
2009, 256 pp., 15 euro

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *