Iran, precipita Tupolev: 170 morti

Un aereo di linea Tupolev in rotta da Teheran alla capitale armena, Erevan, si è schiantato dopo 16 minuti dal decollo, in una fattoria nella provincia di Qazvin, circa 200 km dalla capitale iraniana. Iniziata la ricerca della “scatola nera” dell’aereo con bordo 168 persone tutte morte nell’impatto.
La compagnia aerea Caspian Airlines proprietaria dell’aereo ha detto che a bordo vi erano 154 passeggeri, tra cui due bambini, e 16 membri dell’equipaggio.
Secondo il ministero degli esteri armeno, circa 40 passeggeri sono armeni, ma solo cinque di loro aveva la cittadinanza. Altri passeggeri sono georgiani, iraniani tra cui otto atleti con della nazionale giovanile di judo.
L’aereo è decollato con un ritardo di mezz’ora a causa di condizioni climatiche avverse.
Le immagini dello schianto mostrano terra bruciata, frammenti di aereo sparsi, abbigliamento ed oggetti personali carbonizzati. Completamente distrutto l’aereo che è precipitato da un’altezza 8.000 m creando a terra un cratere profondo 6 metri.
L’incidente si crede possa essere stato provocato da un incendio in uno dei motori, questo è stato riferito dalla televisione di Stato armeno, senza citare fonti. Nel frattempo, Press TV la televisione di Stato iraniana in lingua inglese ha detto che l’aereo ha tentato un atterraggio di emergenza a causa di un guasto tecnico, ma l’aereo esploso in fiamme si è schiantato.Il Ministro dei Trasporti iraniano Hamed Behbahani ha detto che è stata istituita una commissione per indagare sulle cause dello schianto.
Giovedì è stata dichiarata giornata di lutto nazionale in Armenia.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *