Badanti: migranti “discriminati”

Nella continua costruzione delle disuguaglianze è inevitabile il coinvolgimento dei migranti. In particolare la situazione per colf e badanti viene arricchita dalla richiesta della Cei che sussurra una sanatoria per questi lavoratori in forza da tempo e struttura portante della mancata assistenza agli anziani, l’eco del Ministro Sacconi ha la dirompenza della soluzione: la legge non si applica a colf e badanti in quanto “le norme penali non sono mai retroattive”.
E gli altri lavoratori migranti?

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *