Saberi: “i miei 100 giorni di calvario in carcere”

La giornalista Roxana Saberi ha rilasciato la sua prima intervista alla radio ed ha descritto i giorni trascorsi in carcere a Teheran:
Ho subito una pressione fisica e psicologica intensa, anche se non era tortura fisica.”
Oggi, io ancora non so perché mi hanno arrestato, se non per avere acquistato dell’alcool, o se non per aver fatto dei reportage senza accreditamento“.
Roxana Saberi, di origine americano-iraniano era stata arrestata il 31 gennaio, poi rilasciata dal carcere di Evin a Teheran l’11 maggio, dopo che un tribunale aveva ridotto la sua condanna per spionaggio a due anni, poi sospesi, è arrivata venerdì negli Stati Uniti, dopo aver trascorso una settimana in Austria, con i suoi genitori e suo fratello.
La giornalista racconta che è stata arrestata in gennaio da quattro uomini del Ministero, che le hanno confiscato il computer ed documenti.
Quando mi sono resa conto che nessuno sapeva dove ero, ho avuto molta paura“, ha detto la Saberi ed ha continuato dicendo di essere stata autorizzata a chiamare il padre 11 giorni dopo il suo arresto.
Il primo giorno mi hanno interrogato per ore, dalla mattina alla sera, gli occhi bendati, di fronte al muro“, con le minacce di passare dai 10 ai 20 anni in carcere.
Poi sono stata messa in isolamento per diversi giorni“.
Roxana Saberi è un cittadino americano, nata e cresciuta negli Stati Uniti, ma ha anche la cittadinanza iraniana dal padre. E ‘dal 2003 ha lavorato per diversi media stranieri a Teheran.
Evin il carcere alla periferia di Teheran in cui molti sono detenuti i prigionieri politici, è diventato tristemente famoso nel 2003 dopo la morte di un giornalista iraniano-canadese gravemente picchiato per aver scattato le foto di un evento all’esterno del carcere.
Roxana Saberi ha detto che era stata portata a Evin per aver rifiutato di fare una falsa dichiarazione accusandosi di spionaggio.
Ed ha spiegato: ” poi ho pensato, beh, se succede qualcosa a me, la mia famiglia non sa dove sono, forse non lo saprà mai. Così ho fatto questa dichiarazione falsa ed ho detto: Sì, io sono una spia americana“.
Dopo diverse settimane in isolamento, è stata messa in una cella con altri prigionieri politici, incontrando delle donne ammirabili.
Alla domanda in merito a un eventuale ritorno in Iran, ha risposto che in sei anni ha imparato ad amare questo Paese dove la maggior parte delle persone sono state ospitali, gentili e generose, affermando: “Spero di tornare un giorno“.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *