Egitto macella 400.000 suini

Cairo. L’Egitto ha iniziato il sequestro degli allevamenti e la macellazione dei suini come precauzione contro l’influenza suina, nonostante la resistenza da parte degli agricoltori e le critiche da parte delle Nazioni Unite.
In Egitto, già duramente colpito dall’influenza aviaria, sono forti i timori di un altro virus che potrebbe diffondersi rapidamente in un paese dove la maggior parte dei circa 80 milioni di abitanti vive nella Valle del Nilo densamente popolata e nelle affollate baraccopoli nei pressi del Cairo.
Ma le Nazioni Unite hanno detto che l’abbattimento di massa dei quasi 400.000 suini è “un vero e proprio errore” perché il nuovo ceppo è un mix di virus dell’influenza suina, aviaria e umana e non è stato trovato nei maiali.
Gli agricoltori nel più popoloso paese arabo hanno affermato l’inizio della confisca degli animali. Il virus H1N1 dell’influenza suina è in diffusione tra gli umani e non tra i suini, questi abbattimenti di suini, animale considerato impuro dai musulmani in Egitto, potrebbe contribuire a sedare il panico pubblico.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *