USA – I giganti dell’auto si preparano al fallimento

General Motors e Chrysler si stanno preparando ad un formale fallimento, mentre l’amministrazione Obama ritiene i loro piani di ristrutturazione inadeguati. La gestione della GM dovrebbe essere completamente rinnovata e Chrysler dovrebbe cercare un riavvicinamento con la Fiat.
L’amministrazione Obama si appresta a inviare la General Motors e la Chrysler in fallimento. Dopo aver studiato le proposte per la ristrutturazione dei due produttori, il gruppo di lavoro dell’U. S. Tesoro sull’industria automobilistica è giunto alla conclusione che questi non sono sufficienti. Nella sua relazione, il gruppo di lavoro suggerisce che la soluzione migliore per i due giganti di Detroit sarebbe quella di presentare fallimento.
Nel frattempo, GM e Chrysler riceveranno i fondi necessari per la sopravvivenza, rispettivamente, 60 e 30 giorni. La gestione del GM dovrebbe essere completamente sostituita nelle prossime settimane. venerdì, il Tesoro statunitense ha chiesto le dimissioni di colui che incarna GM dal 2000, il suo presidente e direttore Rick Wagoner. La sua partenza è stata confermata domenica sera.
Per Chrysler, la diagnosi dell’amministrazione Obama è peggiore, perché ritiene che costruttore da solo non abbia soluzione. Pertanto, ha sospeso per 30 giorni, il tempo per trovare un accordo con la casa automobilistica italiana Fiat, con la quale si negozia un ravvicinamento fin dall’inizio dell’anno. In caso contrario, attuare la soluzione necessaria. Al fine di non aggravare ulteriormente il calo delle vendite, il governo ha annunciato che ancora garantisce l’acquisto di veicoli nuovi per entrambe le marche.

Carmelo Sorbera

Carmelo Sorbera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *