Darfur, un italiano fra i volontari rapiti

SONO 5 VOLONTARI DI MSF – Tra gli operatori della sezione belga di ‘Medecins Sans Frontieres’ rapiti in Sudan c’è anche un cittadino italiano. Lo rende noto il Ministero degli Esteri italiano. “Il ministero degli Esteri – fanno sapere dalla Farnesina – si mantiene in stretto contatto con i familiari del rapito, ha avviato tutte le necessarie azioni per promuovere la positiva soluzione del caso, e ha richiesto a tal fine anche la collaborazione delle Autorità sudanesi, alle quali è stato sottolineato che obiettivo assolutamente prioritario deve essere la piena salvaguardia dell’incolumità del connazionale e che pertanto non devono essere intraprese azioni che possano comprometterla”.

“Data la delicatezza della situazione e l’indispensabile discrezione da mantenere in questi casi – ha detto Frattini – il Ministero ha impartito istruzioni di osservare il più stretto riserbo, sottolineando che si tratta di una condotta necessaria per non intralciare gli sforzi intrapresi per assicurare l’incolumità dell’ostaggio e favorire la positiva conclusione della vicenda. Non verranno rilasciate dichiarazioni nè date informazioni ai mezzi di comunicazione sull’evoluzione della vicenda”.

“Nella certezza che gli operatori dell’informazione comprenderanno ancora una volta – continua l Farnesina -come già accaduto in circostanze analoghe, le motivazioni di questa necessaria linea di condotta, la Farnesina fa al contempo appello alla loro professionalità e senso di responsabilità affinché si eviti di diffondere notizie non controllate e non accertate nel merito e nell’attendibilità delle fonti o che possano comunque nuocere alla favorevole soluzione del rapimento, esito che si sta ricercando attraverso uno sforzo coordinato di tutte le competenti istituzioni”.

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *