La Spagna commemora gli attentati dell’11 marzo

La Spagna ha commemorato il quinto anniversario degli attentati dell’11 marzo 2004 a Madrid, i più sanguinosi mai commessi nel paese, con delle cerimonie ridotte, la cui discrezionalità ha attirato le critiche da parte delle famiglie delle vittime.
Né il capo del governo José Luis Rodriguez Zapatero, nè re Juan Carlos si prevede partecipino agli eventi commemorativi, quest’anno ridotti al minimo con il minuto di silenzio al Congresso ed al Senato, e la cerimonia di posa della corona a Madrid.
Il presidente della principale associazione delle vittime, Pilar Manjon, contesta il quasi silenzio delle istituzioni.
Le critiche sono rivolte anche agli scarsi aiuti finanziari per coloro che soffrono le conseguenze delle esplosioni.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *