Soldato Shalit – I genitori accampati fuori della residenza di Olmert

I genitori di Gilad Shalit, il soldato israeliano prigioniero a Gaza dal 25 giugno del 2006, hanno installato una tenda di fronte alla residenza di Gerusalemme del primo ministro uscente Ehud Olmert.
Aviva e Noam Shalit hanno invitando quest’ultimo ad agire per la liberazione del loro figlio.
Interrogato il padre di Gilad Shalit, questi ha semplicemente risposto: “Non ho alcun consiglio da dare al Primo Ministro, per noi è l’essenzialmente è il risultato del ritorno di nostro figlio”.
I genitori di Shalit hanno il timore che lo scambio di prigionieri attraverso l’Egitto, negoziato tra Israele e Hamas, sarà molto più difficile da negoziare con il prossimo governo, guidato da Benjamin Netanyahu.
Il mese scorso, il gabinetto di sicurezza israeliano aveva condizionato la conclusione dell’accordo di tregua con Hamas e l’apertura dei valichi di frontiera tra Israele e Gaza con la liberazione di Gilad Shalit.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *