E’ Totò il più popolare comico italiano di sempre

INDAGINE DI QUINEWS – Totò, Alberto Sordi e Massimo Troisi sono i più popolari comici italiani di sempre. Lo ha stabilito un’indagine effettuata dal nostro giornale

su 1.000 intervistati, equamente distribuiti per fasce d’età (under 18, over 20, 30, 40, 50, 60 e 70) sesso e collocazione geografica (Nord, Centro, Sud e Isole).

Antonio De Curtis, in arte Totò, è ancora oggi il “principe della risata” per il 50,5% degli intervistati. La sua popolarità rimane intatta anche a distanza di 32 anni dalla morte (15 aprile 1967). Secondo i più, Totò è un modello per i moderni colleghi comici. La sua “bravura” è “sopraffina” e molte sue battute, o situazioni comiche, “restano ancora attuali”. Tutti gli intervistati hanno almeno una videocassetta di un suo film e tutti ricordano almeno una delle sue tante battute. “Totò è sempre Totò” è la frase che accompagna ogni voto espresso. Raccoglie consensi in tutte le fasce d’età, facendo il pieno tra gli over 60 e 70. Anche tra gli under 18 riscuote successo, a dimostrazione della sua popolarità.

Con il 21,5% delle preferenze segue Alberto Sordi. Albertone, morto il 25 febbraio 2003, è considerato un vero “trascinatore” della risata, un “comico come pochi”: “Prima di lui, solo Totò”, sostengono in molti. E’ l’attore, dicono i più, che meglio di altri ha impersonificato “l’italianità”. Come per Totò, tutti gli intervistati, hanno a casa almeno una videocassetta con un suo film. Raccoglie consensi in tutte le fasce d’età, soprattutto tra il gentil sesso, ed è amato soprattutto dagli over 30.

Terzo in classifica: Massimo Troisi. Un “altro grande” per il 10% degli intervistati. La comicità di Troisi, morto a soli 41 anni di età il 4 giugno del 1994, è ben impressa nell’immaginario televisivo delle persone. Gli over 40 e 50 ricordano “quasi a memoria” alcune sue celebri battute. I suoi film, dicono in molti, “hanno fatto scuola”.

Il restante 18% degli intervistati preferisce: Roberto Benigni (5%), Aldo Fabrizi (4%), Nino Manfredi, ex aequo con Peppino De Filippo (3%) e Walter Chiari (1%), ex aequo con Carlo Verdone e Franco Franchi.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *